6.10.17

CARDACRUCCA in PILLOLE #1

00:42 di venerdì 6 ottobre...

Edizione 2017, mi sento meno Incardacruccato...
Mancano ancora: qualche video, qualche foto e qualche risultato, ma il grosso è fatto...


Edizione 2017, ritorna la stupida (vedasi foto)...
Non fate gli ironici, è il berretto da militare indossato da un trasmettitore alpino una ventina d'anni fa...
Ritorna anche il baffo modello "vichingo"...


Edizione 2017, ritorna la posizione preferita del 2016 (sono sul lato sinistro)...
Accucciato dietro la pianta perché alcuni passano anche al di fuori del percorso...
Accucciato dietro una pianta per sentire il vento che spostano più di 1000 runners...

22.9.17

5a CARDACRUCCA

Domenica 1 Ottobre 2017 - ore 9.30 - Tornavento

FATE UN SALTO ALLA CARDACRUCCA


Nuovo percorso!!!

Il lungo è più lungo (15,2 km) - Il corto è più corto (8 km).
Per chi vuole c'è il Nordic Walking.
Anche le gare dei piccoli arrivano in piazza a Tornavento.
Ci sono più palloncini Pacer (viola, verdi e bianchi).
C'è la mitica maglietta (700 disponibili).
Ci sono io che vi aspetto al banco iscrizioni e all'arrivo.

Non la chiamiamo "trail" perchè è semplicemente
CARDACRUCCA





17.9.17

Caminava di Sass


Mercallo chiude le gare di Piede d'Oro di settembre, che quest'anno, in questo mese, ha visto solo due gare (record assoluto) . Altra giornata di sole, anche se il fresco la comincia a farla da padrone e culminerà nella gara di Albizzate, solitamente la prima da correre con i guanti.
Io timbro la settima casella dell'anno, e rimango in lizza per non realizzare il peggior risultato di sempre (8 gare nel 2014).

Andando con ordine:


  • Partenza ammassati nella stretta via dietro al gonfiabile... il tempo scorre inesorabile... il count-down musicale si blocca un minuto e poi riparte.. io, Italo, Andrea, Vale ci guardiamo negli occhi (l'unica cosa che riusciamo a muovere)
  • Partenza, curvone e prima salita, ai 400 metri c'è un rospo "spatasciato" (perdonatemi il termine)... spero vivamente non dai 200 runners davanti a me.
  • Ai 650 metri il Lumi con la GoPro sul muretto... spicco un balzo e la sfioro di testa (qualche centimetro, non di più)...
  • Al km, mentre chiacchiero col Francesco su 3 gare su 3 giorni (lui) e le 30 vasche mie, ci passa la Franci dicendo "è un onore correre col Soxj".
  • Al km 3 un sussulto mi porta davanti alla Franci, per poco... mi passano lei la Vale e se ne vanno...
  • Al km 4 mi passa la Lory in salita e gli dico "ora mi metterò a piangere"... e se ne va...
  • Al km 4,5 discesa e la vado a riprendere... formiamo un trio con la Luisa.Al km 5 Eolo time e "facciamo un bel sorriso".



  • Al km 7 la Lory è cotta, ma la Luisa continua a dirle "dai che manca poco" ed io "dai che è tutta discesa".
  • Al km 9 inizia la salita, la Lory accelera... mi vengono in mente i fantasmi di Arcisate.
  • al km 9,77 la Lory mi tende un braccio... mi viene l'istinto di sprintargli in faccia, ma ho il cuore tenero e arriviamo in tre, mano nella mano... 

Direi che dopo 6'08" di Brebbia, il 5'29" è un po' più rassicurante... l'obbiettivo dichiarato è puntare ad andare sotto i cinque al Albizzate, anche perché probabilmente a Cavaria ci piazzerò un corto.

La gara è stata abbastanza tosta, quasi come la gara di Brebbia: lì era un mosso andante, qui era nervosa con continui strappetti.

Le due cosa da rivedere sono la partenza (abbastanza stretta) e il ristoro di metà percorso, messo dietro una curva dopo l'Eolo time (bastava metterlo dall'altra parte della strada).

Pensiamo alla Cardacrucca ora...

Podio con Silvano e Italo

16.9.17

2° TRAIL DEL BOIA

Meglio tardi che mai... a due settimane dall'evento...

2o Trail del Boia, si presenta la storica coppia dello scorso anno, Teo e Soxj.



FOTO di ARTURO BARBIERI

La sfida doveva essere con le "Sisters" Lara e Lorena, in credito di due birre dell'edizione 2016.

Le ragazze si son divise in due squadre diverse: Lara e Fede (le Milf), Lorena e Samu (i Vicini)...

Noi gli abbiamo rubato il nome (le sisters), il kilt è rimasto a casa (non avrebbe avuto senso) e quindi partiamo alle 17 con un credito di due birre.



Scarpe da trail per quei boschi che ho percorso per un annetto e più... l'allenamento è poco e l'andatura si adagia sul lento andante.


A differenza dell'anno passato la temperatura è gradevole, i chilometri passano via veloci e io e Teo facciamo tutta la gara a rincorrerci ad una distanza massima di 5 metri.
Facciamo brevi tratti in compagnia di altre coppie che poi prendono e se ne vanno. Il ritmo è talmente elevato che riesco a fare un video sulla salita top di giornata, arrampicandoci con la corda con una mano sola...


Noi concludiamo la corsa in 1h47', cinque minuti in meno dello scorso anno.

Teo, ma dove cxxxx vai!!!
Sfida persa, ma con il credito di birre 2016 andiamo alla pari.
Cena in piazza col riso, seguito da birra e salamella. Quattro chiacchiere con Francesco e Liliana, in tempo di vincere l'ennesimo premio a sorteggio e una bufera di vento che porta via piatti, bicchieri e volantini.

Poi con il Ricky e il Teo in centro Gallarate a dare spettacolo: io in tuta e loro versione body-guard.


Ottima gara il Trail del Boia.: percorso ottimo, maglietta e medaglia a fine gara, animazione durante il percorso e sold-out di 277 coppie iscritte quasi un mese prima.
Noi stiamo già pensando a chi sfidare nel 2018.

12.9.17

18a Stramulino


Domenica 10 settembre, la pausa estiva più lunga della storia del PdO, la pioggia che smette di cadere per fare l'en plain di 21 gare asciutte dell'anno: si scaldano i motori, si respira l'aria fresca e umida, si ritrovano gli amici, si scattano le foto (non i selfie).

ITALO - LUMI - SOXJ

SOXJ - BEPPE

SOXJ - FABRI - GIOVANNI - ALAN
Le ore nove si avvicinano, si sente il count-down... Three, Two, One (io e l'Alan che chiacchieriamo bellamente) e poi VIA...

Si parte, come cavalli imbizzarriti fermi al cancelletto di partenza, centometristi che fanno lo slalom per guadagnare quel metro che difenderanno con le unghie e con i denti per tutto il resto della gara...

Mi unisco a loro, cinquanta metri per ingranare, poi giù a seguire il Giovanni: al minuto e mezzo decido che correre ai 4' è un po' insostenibile per il mio stato di forma; mi lascio sfilare e continuo con un più consono 4'45"...



Due chilometri e mezzo e comincia a farsi sentire, la media sale ai 5' e più... mi godo il panorama, salite, discese, gli scivoli delle piscine, le boccacce alla videocamera dell'Eolo Time, la zolletta di zucchero al ristoro.


Continuo a salutare gente che mi passa, tipo l'Andrea, che mi chiede che cosa faccio qui (appunto, ora rallento un po')... ultima salita di giornata, dò il cambio al Fabio e discesa con l'Elisa, l'arrivo, la casella presenze timbrata e l'immancabile trio latte-pane-Nutella.

Quattro chiacchiere con Claudio che ritorna alle gare e poi via, verso casa... la pioggia inizia a cadere nuovamente.

29.8.17

6a Penziamo

L'ultima domenica di agosto, da qualche anno, corrisponde con la trasferta elvetica a Chiasso. Quest'anno è la sesta edizione ed io dovrei averne fatte già tre, se non quattro.

La sveglia non suona prestissimo, anche perché la gara competitiva parte alle ore 10.30 e Chiasso e più vicino di Gallarate e in meno di mezz'ora sono li.

Parcheggio ed intravedo già facce note, mi dirigo in zona iscrizioni e incrocio le due Cristina: Clerici e Grassi, Raffaele e Stefania, e i Runner Varese Gabriele e Daniele.

Faccio una decina di minuti di riscaldamento, anche con un giro in pista: qui incontro l'Italo (mio fotografo ufficiale) quattro chiacchiere e in zona partenza saluto il Carmine e la Katia.


Partenza a razzo, macino giù a 4'25" tenendomi a distanza dalla Katia e in compagnia della Cristina...mi passa anche la Stefania, e al km uno collasso a 5'25"... tanto che il Soc, mi passa e mi dice che mi vede un po' appesantito...


Piano, rampa del Penz, boschi, discesa e poi l'incrocio dove saluto la Clerici e il Raffaele (urlandogli che aveva sbagliato strada)... salita di asfalto e mi prendono i pacer dei 6'00"...

"Se ci molli torniamo indietro a prenderti", ed io "grazie, forse oggi riesco a finirla sotto l'ora"... aggiungendo poi "però le altre quattro volte ci avevo messo molto meno..."

Risate e si rimacina a 5'30"... manca poco, foto di Italo...

I Pacer in giallo sullo sfondo

Arrivo... sdraiati sul prato... quattro chiacchiere con Raffaele e con l'organizzatore Davide.


Poi doccia, pranzo, birra, premiazioni, applausi, stanchezza, macchina, casa, lago e serata con gli amici...


Sempre bella la gara di Chiasso, bella tosta... oggi ha pure visto l'esordio delle Vomero 12, quindi si è andati un po' "schisci" (ci navigavo un po' dentro)... Partenza e arrivo in pista, tratto boschivo dove si respira un po', salitone in sterrato, su asfalto e discesa tecnica sui sassi... C'è tutto, quello che è mancato sono io :-D

28.8.17

CORRERE IN VACANZA

Atto I
Vacanze, All-inclusive, antipasti infiniti oltre alle classiche portate. Due giorni di supplizio e poi il purgatorio, alle 7 di mattina, alla ricerca del Luna Park e di un percorso tra viuzze e incroci.
Il GPS che si rifiuta di partire, due centinaia di metri persi e la sensazione di correre con un tacchino in spalla.
Rotonda e indietro, rotonda e indietro, ferrovia e ricerca del sottopasso...
Sembra di andare bene... sembra perché il GPS è fisso sui 6'28... Ritorno dopo una quarantina di minuti, fermandomi qualche via dopo e concedendomi una decina di metri di defaticamento.

Arrivo di GATTICO
Atto II
Sempre alle 7, vento che spazza tutto e tutti, percorso lungo mare quindi: pista ciclo pedonale e giù a macinare km... il primo pezzo addirittura sotto i 5, direzione sempre verso il fantomatico Luna Park...
Finisco la pista ciclabile e faccio per prendere il marciapiede per Riccione ed incontro il Duca.
Passati i primi secondi di esultanza, entra in gioco la psicosi: mia (mo mi tocca correre ai 4') e sua (mo mi tocca correre a 5'30")...
Senza parlarci ci accordiamo per un 4'45", con punte di 4'35", tracciando una linea, avanti e indietro come un trattopen rosso sul lungomare, quasi a segnare la fine dello svago e l'inizio dell'allenamento serio.
Foto al giro di boa e poi di ritorno alle rispettive partenze. Pure esercizi di stretching poi. 


Atto III
Ultima fatica vacanziera, lento andante a circumnavigare Fiabilandia. Forse ho sognato la volta precedente, ma la media rimane sopra i 5'30"...
Mi riprendo un po' sul lungolago, dove inseguo una bicicletta per seminare un runner andando ai 4'20"... poi stop, raggiunti i 5 km qualche esercizio ed una passeggiata defa... Si ritorna alle gare, se arrivo in tempo.


Atto IV
Viaggio infinito e la serale di Caidate salta... domenica Chiasso... seguirà il racconto...